Processi di migrazione difficili e costosi possono legare un’azienda a una particolare scelta tecnologica: si tratta del vendor lock-in, una condizione che può essere evitata mediante la conoscenza dei meccanismi che la originano e grazie ad una pianificazione a lungo termine.

Per spiegare il vendor lock-in, il TechAdvisor Michelangelo Uberti mette a confronto l’uso di soluzioni proprietarie ed open source, fornendo una panoramica generale ed esponendo un case study relativo ai sistemi di messaging.

Scarica l’articolo in formato PDF